“Ma cos’è questa crisi?!”: la Consulta cerca di spiegare la crisi economica

Perché l’Italia è in crisi da quasi 9 anni e in che modo è possibile affrontare questa situazione? Partendo da domande come queste la Consulta Giovani ha deciso di aprire un dibattito su uno delle questioni più pressanti (e forse più difficile da affrontare) tra tutti i temi politici dell’ultimo decennio, quello della crisi economica! Per cercare delle risposte abbiamo chiesto una mano a Davide Peghin, un giovane avianese esperto in economia e finanza.

Nasce così “Ma cos’è questa crisi?!”, un percorso che è iniziato con quattro serate di approfondimento necessarie per inquadrare il problema e dotarsi di alcune nozioni fondamentali per interpretare la nostra realtà economica. La Consulta si è fatta promotrice di questo evento avvalendosi della collaborazione di svariate realtà presenti nel territorio avianese (il Comune, l’Informagiovani, l’associazione GIM, la Proloco Aviano, la Proloco San Martino di Campagna, la Pro Castello, la Pro Giais, l’associazione culturale Gahagi e L’Oppure) che, oltre a favorire la promozione delle conferenze, hanno garantito una sede per ogni singola serata.

loghiDavide in quattro incontri ha sviluppato la sua analisi sul tema della crisi economica italiana suddividendola in tre fasi ben distinte: la crisi finanziaria del 2008, la crisi del debito del 2011 e la crisi bancaria iniziata dal 2016.

17499398_706760749503301_9145762153985632637_nNella prima conferenza (il 23 marzo a presso la sede della Proloco di San Martino) sono stati spiegati alcuni concetti macroeconomici di base (dal PIL, passando per l’inflazione e i tassi di cambio) e si è fatto un piccolo excursus storico sulle politiche monetarie ed economiche italiane della fine del secondo conflitto mondiale ai giorni nostri. Un viaggio che è partito dagli accordi di Bretton Woods del 1945 fino alla nascita dell’Unione Monetaria Europea nel 1999.

17523171_718253258354050_5577137677828824256_nNella seconda serata (il 29 marzo presso l’oratorio di Castello)  si è discusso della grande recessione globale del 2008/2009. Dalla crisi finanziaria sui mutui subprime partita degli USA, fino alla crisi economica che ha colpito il mondo intero siamo andati ad analizzare le cause e abbiamo capito il funzionamento dei principali strumenti finanziari che hanno generato lo scoppio della bolla finanziaria.

IMG-20170406-WA0003Nella terza (il 5 aprile presso la sede dell’associazione Gahagi) si sono sviscerate le cause della crisi del debito sovrano del 2011/2012. La serata si è incentrata sulla crisi che ha colpito tutti i Paesi della periferia dell’Eurozona tra i quali l’Italia. Abbiamo scoperto che l’attacco speculativo che ha colpito il nostro Paese nel corso del 2011/2012 non era dovuto all’alto livello del debito pubblico, ma principalmente al deficit della nostra bilancia commerciale e all’aumento dell’indebitamento estero.

17903982_10210503744922328_1018863124395108780_nInfine, nella quarta serata (il 12 aprile presso Palazzina Ferro) abbiamo affrontato il tema della crisi delle banche italiane. Questa è la terza fase della nostra crisi ed è ancora in corso. Siamo andati a scoprire perché le banche sono così in difficoltà andando a spiegare come funzionano i bilanci delle banche e cercando di capire cosa sono le sofferenze bancarie. La serata si è conclusa con un’analisi sui motivi del disastro causato dalle due banche popolari venete.

Come detto in precedenza le quattro conferenze sono solo l’inizio di un percorso, infatti nel sito della CGAviano verrà creato un apposito spazio per “Ma cos’è questa crisi?!”, in cui Davide rilancerà tutti i temi trattati nel corso delle serate e chiunque sarà libero di commentare, integrare ed eventualmente proporre nuove tematiche da approfondire.

Restate connessi a breve sarà online la sezione di “Ma cos’è questa crisi?!”.

L'immagine può contenere: 4 persone, persone in piedi e spazio al chiuso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>